Domanda:
Modo educato per chiedere come si pronuncia il nome con suoni al di fuori della lingua locale?
Evan
2018-07-19 19:59:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nella mia esperienza, non è pratica comune per i madrelingua inglesi negli Stati Uniti tentare di pronunciare suoni non inglesi, come gutturali o trilli.

Quindi diciamo che incontro un nuovo collega il cui nome stampato che non ho riconosciuto. Interagirò con questa persona su base giornaliera per il prossimo futuro. Chiedo alla persona come si pronuncia il nome e il nome ha un suono che non esiste in inglese.

Dove vado da qui? Sono in grado di pronunciare molti suoni non inglesi, e sono felice di farlo (o almeno di provare) per il nome di una persona. Ma c'è un modo semplice ed educato per scoprire se dovrei? E quando dico "dovrebbe", intendo sia

  • la maggior parte delle persone lo pronuncia con un suono non inglese ,

oppure

  • la persona preferirebbe che fosse pronunciato con un suono non inglese, anche se la maggior parte delle persone non lo fa .

Alcuni modi in cui ho pensato:

  • Chiedere come la maggior parte delle persone pronuncia il nome.
  • Chiedere come preferiscono che gli altri pronunciano il loro nome .
  • Evitare di rivolgersi alla persona per nome finché non sento come la maggior parte degli altri lo pronuncia.
  • Chiedendo come preferiscono lo pronuncio se ho difficoltà a pronunciare i suoni non inglesi.

Ci sono alcuni risultati che vorrei idealmente evitare:

  • Mi ritrovo con una pronuncia idiosincratica - una che non è corretta (e non molto vicina), e inoltre non è una pronuncia alternativa standard.
  • Sono l'unico che pronuncia correttamente il nome e alla persona non interessa come le persone pronunciano il proprio nome.

In sostanza, questo mi equivale a n non voler restare al lavoro. Ho esaminato altre domande relative a questo ( 1, 2, 3) e non sembrano affrontare abbastanza questo specifico problema.

Per l'interazione specifica che ha portato a questa domanda, il nome della persona aveva un suono gutturale. Non so se questa persona viene dagli Stati Uniti o no. Non ricordo esattamente cosa ho detto, ma ho seguito qualcosa sull'effetto di "come la maggior parte delle persone pronuncia il tuo nome". Che ho subito sentito essere scortese e / o presuntuoso - dal punto di vista della persona, che potrebbe non essere rilevante - potrebbero volere che il loro nome fosse pronunciato correttamente, indipendentemente da come lo dice la maggior parte delle persone. Ecco perché te lo chiedo.

* Mi scuso se le modifiche creano confusione con le risposte esistenti, ma non avevo elaborato alcuni dettagli finché le risposte non mi hanno aiutato a chiarire la domanda nel mio mente.

Hai un esempio di ciò che ti sta accadendo? A seconda di chi stai parlando e da dove provengono, potrebbero offendersi o semplicemente suggerire un'alternativa più facile da pronunciare.
@Kozaky modificato. Purtroppo non sono sicuro da dove venga questa persona. Mi interessa anche una strategia generale, se ce n'è una.
Dodici risposte:
#1
+49
Chris Sunami supports Monica
2018-07-19 20:11:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sono sicuro di riuscire a pronunciarlo correttamente, ma vorrei fare del mio meglio. Saresti disposto ad aiutarmi a cercare di farlo bene?

Ho riscontrato spesso questo problema e non ho mai avuto nessuno che si offenda per questo approccio. La maggior parte delle persone è felice che qualcuno stia facendo uno sforzo in più, ma se dicono qualcosa come "oh no, qualunque modo tu lo pronunci va bene per me", allora prendi in parola.

Una variazione su funziona anche se conosci qualcuno da un po '.

Temo davvero di aver massacrato il tuo nome da sempre. Potresti provare a insegnarmi a dirlo correttamente?

Quindi, in sostanza, stai suggerendo che la cosa migliore da fare è dare loro l'opportunità di informarti che la maggior parte delle persone lo pronuncia in un altro modo, e per loro va bene? Sembra ragionevole.
Ci sono molte persone che non sono particolarmente infastidite dalle persone che pronunciano male il loro nome (o che si sono abituate) ma che apprezzano comunque qualcuno che si impegna in modo speciale per farlo bene. Di solito è più il pensiero che conta che se il tuo tentativo abbia effettivamente successo o meno.
#2
+12
Upper_Case
2018-07-19 21:33:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando ho lavorato con i pazienti in un ospedale ho riscontrato questa situazione quasi ogni giorno. La mia introduzione con lo script a questo è diventata:

Ciao, [Mr./Ms.”..Scusa, sono sicuro che sbaglierò, [massimo sforzo nel pronunciare il nome]?

Questo ha sempre spinto la persona con cui stavo parlando ad approvare la mia pronuncia, giusta o sbagliata ("Sì, è giusto!" o "Va bene") o per offrire una correzione. Quindi hai la pronuncia corretta (o almeno accettabile) del nome e hai ammorbidito gli errori che potresti aver fatto nel tuo sforzo iniziale.

Grazie. Mi piace questa risposta per le conoscenze transitorie, ma non per un collega di lunga data. Ho chiarito la domanda per riflettere la situazione è per una conoscenza a lungo termine. Un risultato che vorrei evitare è quando finisco con una pronuncia idiosincratica - una che non è corretta (e non molto vicina), e anche non una pronuncia alternativa standard.
#3
+8
Yousend
2018-07-19 20:45:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quello che faccio di solito se non sono sicuro di come pronunciare un nome quando chiamo qualcuno al telefono, è dire il nome con un tono di voce che indica la mia mancanza di familiarità con la pronuncia seguito da scuse se non lo sono pronunciarlo correttamente.

Questo dà loro la possibilità di correggere la tua pronuncia o darti un'alternativa. Se riconoscono la tua lotta, potrebbero riconoscere che si tratta di un problema comune e che non puoi farci niente a breve termine a causa delle differenze culturali.

Ad esempio, la versione francese del nome "Alexander "è" Alexandre ", ma questo dà molti problemi agli anglofoni. Quando mi presento, è normale che ripetano "Alex-André" o "Alexandra", che non è neanche lontanamente vicino alla pronuncia, ma nessuno degli anglofoni sembra notare la differenza. Anche se io stesso preferisco essere chiamato "Alex", offro la stenografia, che la maggior parte di loro accetta. Alcuni dei miei amici, nonostante mesi passati a sentire i miei amici francesi pronunciare correttamente il mio nome, continuano a non cogliere le sfumature tra le due versioni.

È una realtà con cui devi convivere, lo stesso motivo per cui i giapponesi pronunciano "L" e "R" allo stesso modo. La loro lingua non ha quel suono ed è qualcosa che potrebbero anche non cogliere. Riconoscere che potresti non avere la pronuncia corretta andrà molto lontano e le persone di solito apprezzano che pensi che sia importante.

#4
+4
Trey
2018-07-20 06:09:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Può certamente essere mortificante apprendere che hai pronunciato allegramente il nome di qualcuno in modo errato, specialmente dopo un lungo periodo! È ancora più imbarazzante se poi scopri che non puoi articolare i suoni nel loro nome nativo e dovrai solo continuare consapevolmente a pronunciarlo male in qualche modo.

Quindi, come hai riconosciuto, è meglio essere consapevoli del problema e lavorarci sopra dall'inizio della relazione. Il modo in cui puoi farlo senza problemi dipende dal contesto e dalle storie e culture personali di te e della persona di cui stai cercando di pronunciare il nome.

Come linguista di formazione, ho sempre avuto un interesse in questo, mi piace provare a pronunciare i nomi "difficili" nel modo più corretto possibile e trovare affascinanti le regole che le diverse lingue hanno sull'uso dei nomi.

Tuttavia, navigare in questa situazione richiede diplomazia e tatto tanto - se non di più, della linguistica. Ecco cosa tengo a mente:

Il rapporto del tuo conoscente con madrelingua inglesi in generale

Le persone con nomi come quelli che descrivi rientrano generalmente in uno di due gruppi:

  1. Coloro che hanno esperienza nel trattare con madrelingua inglesi e sono ben consapevoli della difficoltà.

    Questi si dividono in due sottogruppi:

    a. Quelli che sono comprensivi, pazienti e generosi riguardo alla pronuncia errata dei loro nomi, oppure:

    b. Quelli che non lo sono , forse perché

    • si sono imbattuti in un numero sufficiente di madrelingua inglesi che sanno pronunciare i loro nomi (forse da viaggiare in altre parti del mondo anglofono dove la familiarità con i suoni è maggiore) che pensano che chiunque altro dovrebbe essere in grado di farlo;

    • Pensano che tu potresti pronuncia il nome, ma essenzialmente si tratta di essere più o meno consapevolmente xenofobi "rifiutandosi" di pronunciarlo (in particolare se sei americano);

    • La loro lingua non fa distinzioni nello stesso modo in cui fa l'inglese, quindi non notano nulla di sbagliato nella tua pronuncia, anche se ovviamente suona "sbagliato" ad altri madrelingua inglesi;

      o anche,

    • Semplicemente non sono di natura cooperativa.

  1. Coloro che non conoscono i madrelingua inglesi - ad esempio, questo è il loro primo viaggio in un paese anglofono e in precedenza hanno parlato solo inglese con persone che parlano la propria lingua madre.
  2. La priorità che un tuo conoscente attribuisce alla pronuncia del proprio nome

    Le persone con lo stesso nome e lingua nativa possono differire per quanto gliene importa e per cosa.

  • Alcuni vorrebbero che ogni persona facesse del proprio meglio per pronunciare il proprio nome nativo e ti istruirà e ti correggerà, aspettandosi che tu migliori nel pronunciarlo man mano che le conosci meglio.
  • Alcuni dicono un premio maggiore per tutti i membri del gruppo che usano la stessa pronuncia, dal momento che può sembrare strano per diversi membri di un gruppo chiamare tutti qualcuno con nomi leggermente diversi.
  • Alcuni danno la priorità a smussare l'imbarazzo sociale e lo faranno tutto ciò che è necessario per evitare quell'imbarazzo - w sia che si tratti di selezionare un soprannome inglese adottato o di lasciare che ogni persona lo pronunci come gli capita.

Le tue capacità linguistiche

Nella tua domanda citi ciò che forse sembra il più problema ovvio e fastidioso nel pronunciare i nomi di una lingua sconosciuta - suoni che non esistono in inglese. E in effetti, questo può essere un problema. Se non riesci a trillare, non sarai in grado di pronunciare un nome con un trillo, non importa quanto lo desideri. I suoni vocalici, i clic o i suoni della glottide e della faringe non familiari saranno tutti molto difficili da ottenere correttamente.

Ma anche se ovvio, i "suoni strani" non sono gli unici, o anche i più comuni, problemi che i madrelingua inglesi hanno con nomi "difficili". Anche possibile:

  • Densità e flusso del suono: in inglese possiamo raggruppare le consonanti insieme, possiamo mettere le vocali una accanto all'altra, possiamo iniziare o terminare le parole con consonanti singole, gruppi di consonanti o con vocali. Molte lingue sono molto più rigide in questo, e un effetto secondario di questo è che le parole (e i nomi) tendono ad allungarsi, perché sono disponibili meno possibilità per ogni sillaba.
  • Stress: in inglese, preferiamo che certi schemi di accento vadano con certe combinazioni di vocali e consonanti, e ci sono alcuni suoni vocalici che pronunciamo solo accentati, o solo non accentati. Altre lingue non seguono gli stessi schemi e potremmo non essere nemmeno in grado di sentire la differenza a meno che non venga attirata la nostra attenzione.
  • Sillabificazione: in inglese, rompiamo le sillabe in un certo modo, e di solito non ci rendiamo nemmeno conto che lo stiamo facendo. Hai notato quanto spesso compaiono apostrofi nei nomi di fantascienza? Un cattivo con gli occhi da insetto di nome "K'Onyak" sembra alieno - e non assomiglia affatto a un certo costoso brandy francese! - semplicemente forzando la sillabazione in un luogo inaspettato. (Lo stress e la sillabificazione possono davvero avere importanza. Considera l'inglese: sono entrato nella camera oscura contro sono andato nella camera oscura . L'unica differenza è nello stress e nelle interruzioni di sillabe, ma possiamo sicuramente sentire la differenza tra uno spazio chiuso poco illuminato e un laboratorio di sviluppo fotografico!)

La cosa negativa di tutti e tre questi è che devi esserne consapevole o potresti anche non essere consapevole che stai pronunciando male un nome, anche dopo padroneggiare tutti i "suoni strani".

La cosa buona di questi tre, però, è che a differenza di quei trilli e schiocchi, puoi farli funzionare bene con un po 'di pratica. Ad esempio, molti anglofoni nordamericani hanno difficoltà con i nomi indiani subcontinentali che sembrano molto lunghi e complicati, ma generalmente è solo perché è molto da capire in una volta e non ci siamo abituati. Prendi per iscritto il nome della persona e esercitati da solo fino a quando non capisci il ritmo, e scoprirai che "Nathavarthi Paramparil" non è affatto un nome "difficile": avevi solo bisogno di tempo per assimilarlo.

Gli altri anglofoni intorno a te

Potresti non parlare la loro lingua, ma potresti parlare un'altra seconda lingua che ha suoni più vicini a quelli nel loro nome. In tal caso, potresti essere in grado di produrre un'approssimazione più vicina rispetto alla maggior parte dei madrelingua inglesi.

Ma anche se parli bene la loro lingua, non dovresti presumere che ti vogliano per affrontarli usando la pronuncia nativa. Può sembrare pretenzioso agli altri, causando disagio sociale e può portare gli altri anglofoni nel tuo gruppo a cercare di eguagliare la tua performance, massacrando il loro nome in modi nuovi ogni volta che viene pronunciato. Il tuo conoscente potrebbe desiderare che tu fossi bloccato con la versione "sbagliata"!

Ad esempio: il nome russo Олег (Oleg) è pronunciato in modo nativo quasi identico al nome inglese "Alec". Se lo sai, potresti essere tentato di chiamarlo così. E chissà, questo potrebbe deliziarlo!

Ma dal momento che Oleg è anche un nome anglicizzato che suona per niente come "Alec", potrebbe anche risultare confuso gli altri— Chi è "Alec?" Non è Oleg? Ho sbagliato il suo nome per tutto questo tempo? O dovrei mettere da parte quella persona e correggerla, in modo che smettano di chiamarlo Alec? - e Oleg potrebbe essere consapevole di questo tipo di confusione e preferire che non accada, anche a costo che tutti "pronunciano male" il suo nome .

Un'altra possibilità da considerare: molte lingue hanno pronunce di nomi diverse a seconda di come vengono utilizzate. Alcuni hanno rigide regole di cortesia e nella loro lingua madre chiamarli esattamente in base a ciò che è scritto sul passaporto, anche se pronunciato "correttamente", sarebbe un passo falso.

Alcune lingue hanno ciò che è noto come "vocativo" forma, il che significa che il loro nome suona diverso quando parli direttamente con loro da quando sono indicati in terza persona. Immagina qualcosa del tipo: Olyegu, vuoi dell'acqua? Sì? Mary, potresti passare l'acqua ad Alec? Potrebbe essere pronunciato perfettamente come sarebbe nella loro lingua, ma in inglese potrebbe sembrare strano, dal momento che i nostri nomi non cambiano il loro suono in base a utilizzo.

Come rispondi

Quello sfondo non era solo una lunga digressione: sapere quale varietà è possibile nei nomi, come le persone interagiscono con i nomi "dal suono straniero", e ciò che sei in grado di imparare a dire e ciò che è impossibile sono i fondamenti che devi sapere in modo da poter sapere cosa è - e cosa non è - ragionevole chiedere e aspettarsi.

Non devi preoccuparti troppo del caso "1.a" di cui sopra: persone con esperienza, comprensione e generosità. Ti aiuteranno e apprezzeranno quando esprimi interesse a pronunciare il loro nome nel modo più corretto possibile. Che sia istruendoti, dandoti un soprannome "facile" da usare, o dando presunzione a molte varie macellazioni del loro nome, ti aiuteranno senza troppi problemi.

Persone nel caso "2" sopra - le persone che non conoscono i madrelingua inglesi - probabilmente proveranno ancora le cose e non sapranno necessariamente cosa è ragionevole aspettarsi dai madrelingua inglesi, né quali sono le loro priorità. Sarei molto esplicito sul fatto che voglio dedicare tutto il tempo che desiderano (ma non di più!) Per esercitare il loro nome con loro.

Inoltre, spiegare qual è la difficoltà - un suono particolare, la lunghezza del nome, un insolito schema di accenti, un gruppo di consonanti che non è possibile in inglese - piuttosto che dare loro la vaga sensazione che il loro nome sia " difficile "- aiuterà a stabilire le aspettative. Dire loro che vorresti vedere scritto il loro nome, o che dovrai esercitarti per la prossima volta che li incontrerai, o che c'è un suono particolare che sai che non sarai mai in grado di produrre - questi sono utili a loro tanto quanto lo sono a te.

Forse la persona sceglierà un soprannome o una leggera alterazione quando imparerà che un po 'di suono è difficile per le lingue native inglesi. Oppure avranno i biglietti da visita a portata di mano, anche in occasione di eventi sociali, in modo che le persone possano vedere il nome scritto ed esercitarsi in seguito. Ma nel frattempo, possono inserire il loro nome nel tuo telefono o puoi chiedere se puoi fare un breve video di loro mentre pronunciano il proprio nome in modo da poter esercitarti nel tuo tempo libero.

Ma quello impulso da cui ho sentito dire che ti avrei allontanato con fermezza: non suggerire un nuovo nome (nick) per qualcuno che sia più facile da pronunciare. E sicuramente non inventarsi un soprannome di propria iniziativa e iniziare a chiamarli con esso. È estremamente scortese! Se vogliono aiuto per trovare un nome alternativo accettabile, chiederanno. Il nome di una persona è, letteralmente, la sua identità e non hai il diritto di modificarlo senza autorizzazione.

Ma questo ci porta al caso difficile, "1.b" sopra: coloro che sanno che il loro nome è "difficile", ma per qualsiasi motivo, rifiutano di aiutarti a raggiungere una via di mezzo accettabile. In questo caso, puoi solo fare del tuo meglio, ma se al terzo o quarto incontro non l'hai ancora capito e non stai ancora ricevendo assistenza, dovrai solo alzare le spalle e accettare che stai andando continuare a pronunciare male il loro nome e continueranno a non piacergli: fare altrimenti ti sconvolgerà e / o ricompenserà l'aggressività passiva.

Per fortuna, secondo la mia esperienza, tali le persone non sono quelle a cui vorresti dedicare molto tempo ad affrontare direttamente comunque!

#5
+2
Thorsten S.
2018-07-20 00:37:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se una persona visita un'altra cultura in cui si parla una lingua diversa, spesso la persona stessa ha scelto un succinto sostituto della cultura straniera che è facile da parlare. Nella maggior parte dei casi la persona ti darà il nome modificato.

"Bruce Lee" ad es. aveva il nome nativo 李振藩.

Se la persona non ha interagito e ha scelto un nome fino ad ora, chiedi semplicemente il nome e provi a rispedirlo. Per tentativi ed errori troverai normalmente una pronuncia con cui entrambe le persone potrebbero convivere e sarà usata dal visitatore per tutte le ulteriori interazioni.

Ora ci sono alcune lingue che sono così dissimili e imperscrutabili per altre culture, ad es. Navajo o Khoisan per la maggior parte delle altre culture che un sostituto speakable è un problema. È anche possibile che l'errata pronuncia ferisca le orecchie del visitatore così duramente o sia troppo simile a una parola non così bella nella loro lingua che loro stessi chiedono una sostituzione. Congratulazioni: potresti essere il nome di una persona per la cultura.

  • Spesso i nomi sono correlati e ogni lingua ha un sostituto accettabile: invece "Henry" c'è Heinrich (tedesco), Henri (francese), Henrik (danese), Endrikis (lituano), Jendrik (slav).
  • Se non funziona, chiedi se il nome ha un significato, molti ne hanno uno. Il mio nome Thorsten ad es. significa "pietra di Thor (Dio del tuono)", quindi le parole per "pietra", "roccia", "tuono" o "fulmine" sono candidati ovvi.
  • Altrimenti, tentativi ed errori. Puoi fornire un elenco di nomi comuni e il visitatore ne sceglie uno che gli suona meglio e che può essere pronunciato da lui.
#6
+2
gnasher729
2018-07-20 02:15:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una volta avevo un collega olandese e per me era impossibile pronunciare correttamente il suo nome senza danneggiare parti dell'apparato vocale (il nome inizia con "Sch" e il suono olandese è impossibile). Era completamente consapevole che solo gli olandesi potevano ottenere il suo nome corretto. Scherzava "Dò a tutti cinque anni per imparare a pronunciare il mio nome", ma cinquant'anni non avrebbero aiutato e lo sapeva.

È solo un dato di fatto che dopo i dieci anni o giù di lì, è davvero, davvero difficile imparare nuovi suoni. Se il nome di qualcuno contiene suoni che non hai imparato presto nella vita, non c'è niente che puoi fare per pronunciare correttamente il nome.

(E c'era un ragazzo ungherese con cui ho lavorato il cui cognome ha spaventato tutti. Quando dico spaventato, intendo sul serio. Non hai nemmeno provato a pronunciarlo. Qualcuno una volta era riuscito a digitare il suo nome è corretto e tutti hanno copiato / incollato il nome nelle e-mail. Tutti lo chiamavano Mr. L.)

Ma ora considera questo: chiunque provenga da un paese straniero con una lingua diversa lo sa la gente del posto avrà problemi. Il mio nome è "innocuo". Nessun inglese capisce bene solo leggendo il nome. Quando gli viene detto come parlarlo, gestiscono una buona approssimazione. Nessuno lo capisce al 100% e la maggior parte non riesce nemmeno a sentire la differenza. Devi solo vivere con esso. E molte persone non vogliono distinguersi. Vogliono essere conosciuti per quello che sono e per quello che fanno, non per essere "la persona con lo strano nome".

La cosa migliore è chiedere semplicemente "Come tu pronunci il tuo nome". E se non puoi farlo, allora potresti chiedere "Non posso farlo, come vorresti che me pronunciasse il tuo nome".

#7
+1
Austin Hemmelgarn
2018-07-19 23:11:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In realtà mi imbatto in questo problema con una certa regolarità (lavoro per un'azienda con molti clienti internazionali). Di solito faccio una delle quattro cose a seconda della situazione:

  1. Se so per certo come il nome dovrebbe essere pronunciato nella loro lingua madre, uso l'approssimazione più vicina possibile . Di solito, questo finisce per essere abbastanza vicino da non preoccuparsene ..

  2. Se so da dove vengono, so qual è la lingua predominante e capisco la pronuncia regole per quella lingua, cerco di ottenere l'approssimazione più vicina possibile in base a quella. Analogamente al primo caso, trovo che questo di solito sia abbastanza vicino da non avere importanza.

  3. In mancanza di entrambi, se so da quale famiglia linguistica proviene il nome, io " Cercherò di pronunciarlo con regole ragionevolmente basilari per quella famiglia linguistica. Nella maggior parte dei casi, questo finisce per funzionare abbastanza bene per i nomi delle lingue europee. Non so che non ci sia un problema, anche se per le lingue africane e asiatiche è spesso un tentativo ridicolmente cattivo.

  4. In mancanza di quanto sopra, spiego cortesemente che non sono sicuro di come pronunciare il loro nome. Di solito, le persone non si offendono molto (se del caso) per questo.

Nel caso in cui si offendano, chiedo scusa, spiegando educatamente che non lo sono molto bravo con i nomi con qualunque parte io pronunci male (supponendo che io sappia cosa ho pronunciato sbagliato) e chiedo se esiste qualche pronuncia alternativa più semplice che sarebbe accettabile per loro.

Ci sono un paio di avvertimenti al mio approccio però:

  • Parte del motivo per cui questo funziona per me è che ho un background significativo in linguistica comparativa. Di conseguenza, conosco le regole di pronuncia per oltre due dozzine di lingue europee e quasi una dozzina di lingue non europee, quindi per la maggior parte delle lingue comuni, la prima opzione finisce per essere quella che cerco, ed è abbastanza vicina da correggere che non è un problema.

  • Ho studiato latino e spagnolo per un paio d'anni e ho studiato anche esperanto. Di conseguenza, la maggior parte delle volte, i miei tentativi di pronuncia hanno un accento decisamente corsivo, che per qualche motivo alle persone non sembra importare tanto quanto una pronuncia altrimenti identica con un accento inglese.

  • Non riesco a pronunciare correttamente le consonanti di clic, non importa quanto ci provi, quindi se so che c'è una consonante di clic nel nome, passo semplicemente a chiedere scusa e spiego che so che non la pronuncerò giusto.

#8
+1
Mark K Cowan
2018-07-20 14:46:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vengo dall'Inghilterra, mi chiamo "Mark". Abbastanza semplice per quanto riguarda i nomi.

Con alcuni gruppi di amici dall'India e dall'Europa orientale, questo viene pronunciato male (al mio orecchio), suonando come "Mike" o "Merk" o "Mark-s ".

Per me, non è un problema e sarei sorpreso se non macellassi i loro nomi molto peggio di quanto stanno facendo ai miei.

Per" nomi difficili "in un gruppo multinazionale di persone, normalmente li abbreviamo (ad esempio per nomi indiani di 30 lettere) o utilizziamo un soprannome / nome localizzato (ad esempio per nomi cinesi).

Se il nome di qualcuno è così strano per tutti che tutti ripetutamente lo massacrano in maniera massiccia quando provano a dirlo, quella persona preferirà piuttosto rapidamente essere indirizzata con un soprannome o una "pronuncia localizzata" del loro nome, mi aspetto.

#9
  0
user3067860
2018-07-20 02:24:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Cerco di iniziare presentandomi e poi dicendo "Come vuoi / come / preferisci) essere (indirizzato / chiamato)?" prima ancora di tentare il nome. Questo offre loro molte opzioni, possono pronunciare il proprio nome o un'altra parte del loro nome, oppure possono dare un soprannome o preferire un indirizzo più formale. E poi puoi seguire con domande su come pronunciarlo, e trovo che da quando hai lasciato la porta aperta su come vorrebbero essere chiamati la maggior parte delle persone si sente più a suo agio qui a correggere la pronuncia se è importante per loro, oppure dicendoti direttamente che è abbastanza buono / non importa.

Provo anche a farlo per tutti, anche se non so già se hanno un nome difficile. Se ti imbatti in una domanda del tutto normale, sembra che le persone si sentano più a loro agio che tu non giudichi il loro nome.

(Fonte: ho scelto un soprannome per molto tempo e ho dovuto farlo in giro dicendo "Il nome della mia patente di guida è Foo ma per favore chiamami Bar ..." ogni volta che qualcuno chiedeva "Come ti chiami?")

#10
  0
Shamtam
2018-07-20 08:06:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I miei due centesimi: una cosa da considerare (che viene toccata in molte altre risposte qui) è che la persona in questione potrebbe non volere essere chiamata con la pronuncia del proprio nome nel suo originale lingua e preferirei un'anglicizzazione. Immagino che questo sia più comune per le persone di prima generazione come me.

Nel mio caso, mi presento usando la traduzione locale (cioè inglese americano) del mio nome, e in genere non va oltre quella. A volte, conoscenti o amici più stretti mi chiedono "come si pronuncia realmente il mio nome". Di solito lo dimostrerò, ma menziono che preferisco la pronuncia "americana". Di tanto in tanto le persone che pronunciano il mio nome in modo errato (sia dalla sua lingua madre che dalla mia "traduzione" preferita) si scusano e cercano di correggere dopo aver sentito qualcun altro pronunciare il mio nome nel modo che preferisco, ma gli assicuro che non è un grande affare e non mi interessa davvero.

#11
  0
Tetsujin
2018-07-21 19:59:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Tutto potrebbe dipendere interamente da quanto sono "ben viaggiati" & tu sei.

Più le persone viaggiano, più opportunità hanno di vedere quanto sia difficile per gli altri pronunciare il loro nome, o loro per pronunciare gli altri.

Dopo alcuni anni di lavoro a livello internazionale, ti abitui alle varie alternative che ti vengono presentate &, non danno fastidio a te o a qualsiasi altro viaggiatore esperto. Ho viaggiato 15 anni per lavoro - Europa & SE Asia.

Quindi, chiedi come si pronuncia. Supponi di non essere in grado di pronunciarlo come un nativo & presumo che sappia già che & non ne sarà arrabbiato.
Cerca di [delicatamente, non esagerare] imitare il loro accento mentre lo dici. Ti sembrerà strano, ma potrebbe aiutarti. Alcune persone possono farlo bene & altri no. La cosa peggiore è non provarci mai ... ma poi chiedi loro se è vicino, o se dovresti anglicizzarlo per essere più accettabile.

Lascia che siano loro a giudicare. Cerca di non anticipare la loro risposta, lascia che siano loro a guidare.

A volte tutto ciò di cui ha bisogno è una 'pronuncia lenta' da parte loro - potrebbero essere perfettamente consapevoli di quali parti potrebbero essere difficili per il tuo accento particolare & potrebbe già sapere come 'insegnarti', o dartene qualcuna mnemonico per aiutarti ..

Solo per divertimento, una manciata di nomi di varie nazionalità & le pronunce torturate ma perfettamente accettabili che ricevono ...
Per riferimento, sono britannico.

Lee: diverte i giapponesi, di cui conosco un numero considerevole. Non riescono a dirlo, sono perfettamente consapevoli che non riescono a dirlo del tutto; pensano che dovrebbe essere un nome cinese, anche se sei ovviamente caucasico. Il tentativo di forzare un suono "L" corretto raramente funzionerà. Di tutte le persone che conosco, 2 possono farlo; uno ha studiato negli Stati Uniti, l'altro ha vissuto nel Regno Unito per 25 anni.

Graham: Invariabilmente pronunciato graaaarm una volta superato il fatto che la "h" è silenziosa. Dimentica di provare a insegnare a qualcuno che dovrebbe essere pronunciato grigio-am, non succederà. [Il mio amico Seit mi chiama così - la mia "vendetta" è anche essere completamente incapace di pronunciare correttamente il suo nome, anche se ci provo da 10 anni.]

Seit: nome turco; per i nativi inglesi, dovrai imparare che è da qualche parte tra il sospiro di &. Tuttavia, è probabile che la quantità esatta di "da qualche parte nel mezzo" ti sfugga per sempre &, la pronuncerai in modo leggermente diverso ogni volta.

Somogyi: un nome ungherese molto comune. La mia partner ha completamente rinunciato a chiunque sia inglese che si avvicini a shom -og-yi & si fa chiamare sum- oh -ji, perché le persone possono gestiscilo.

#12
  0
bruce
2018-07-21 23:51:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

A seconda che la persona sembri preferire qualcosa che si avvicini ai suoni nativi del suo nome, va sottolineato che molti dei suoni non inglesi "impossibili" POSSONO ESSERE appresi, anche se devi essere disposto a lavorarci sopra . Quando ho imparato una lingua mediorientale che contiene un certo numero di consonanti gutturali, mi è stato presentato questo problema e dopo un sacco di pratica con il mio istruttore, che era un linguista, ho raggiunto quello che considerava un livello di discorso accettabile.

Ora faccio fatica a scegliere di far suonare un nome o qualcos'altro "giusto" al madrelingua o "giusto" a un altro madrelingua inglese - e chiedere alla persona che preferiscono è essenziale.

Esempio: il nome di uno dei miei studenti era Is'haq, che inizialmente pronunciai come Ishak, cosa che sicuramente non era. (a mia difesa, l'aveva scritto in inglese senza l'apostrofo - o senza spazio - come ishaq.) Avevo imparato che un suono Q non era un suono K, ma non avevo imparato che S'H non lo era SH, ma non si aspettava che lo rovinassi.

Un altro esempio in cui la sillabazione è importante: qualsiasi madrelingua inglese può sentire la differenza tra "la casa bianca" e "la casa bianca" ma prova a farlo spiegalo.

Mi chiamo Bruce, ma quando ero in Giappone qualcuno mi ha chiesto come mi chiamavo. Hanno provato molto

per rendere il suono "impossibile" della R inglese. Vorrei aver letto questa discussione prima di quell'incidente e aver pianificato in anticipo un'alternativa migliore per loro.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...