Domanda:
Come posso richiamare l'attenzione su una pronuncia errata di un conoscente occasionale?
r m
2017-07-02 05:08:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come posso richiamare l'attenzione su una pronuncia errata di un conoscente occasionale? L'individuo è un madrelingua, ma usa regolarmente parole come "antidoto" quando significa "aneddoto" solo come un esempio.

Se il significato della sua conversazione è ancora compreso, non voglio sembra pedante nel correggerli.

Cinque risposte:
#1
+15
John
2017-07-02 07:11:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un modo potrebbe essere quello di attirare l'attenzione sulla correzione un po 'sottile e non indirizzarla verso di loro.

Puoi prendere nota della parola che desideri correggere e poi usalo tu stesso correttamente in modo naturale. Se usi tu stesso la parola, si spera che l'ascoltatore ascolti ciò che dici e si renda conto che il loro uso è stato disattivato. Ora puoi lasciare a loro il compito di chiedere se vogliono un chiarimento. Questo può aiutarti a capire se sono interessati ad ascoltare una correzione educata ma diretta.

Estendendo l'esempio che hai fornito. Dicono "antidoto" quando avrebbero dovuto dire "aneddoto". Puoi dire qualcosa come:

Che storia interessante. Ho una zia (collega / amica) a cui sono stati appena caricati aneddoti fantastici.

Il tuo utilizzo renderà la parola corretta parte della conversazione e, si spera, darà loro spunti di riflessione per usarla correttamente.

#2
+6
HDE 226868
2017-07-02 07:14:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sei la persona giusta per correggere?

Sono stata la persona che ha pronunciato male prima - generalmente non ho usato la parola sbagliata, ma sicuramente la sto dicendo completamente sbagliata - e posso confermarlo è mortificante apprendere il mio errore. È peggio se è una parola che uso regolarmente, perché significa che probabilmente l'ho già bocciato un po 'prima.

Detto questo, è molto meglio impararlo da qualcuno che conoscono rispetto a un parente estraneo. Se gli errori di pronuncia si verificano abbastanza spesso, prima o poi la persona verrà chiamata in causa. Ma cosa succede se la persona che esegue la correzione non è gentile? E se fossero un superiore, un intervistatore di lavoro o qualcuno a cui vorrebbero fare una buona impressione? E se continuare a commettere l'errore potesse causare loro problemi in futuro?

Conosci questa persona abbastanza bene da notare questi errori. Direi che potresti essere adatto a farglielo notare senza causare loro troppo imbarazzo - e come ho detto, è qualcosa che probabilmente vorresti minimizzare. Ovviamente sarebbe meglio se tu fossi un amico, ma è chiaro che ci tieni a loro e hai a cuore i loro interessi. Sei anche chiaramente preoccupato di essere educato, il che mi suggerisce che sei davvero vicino.

Ti consiglio di correggerli su alcuni degli errori più gravi (o quelli che potrebbero metterli in imbarazzo / danneggiarli il futuro). Piccoli errori potrebbero essere un po 'troppi, ma casi come quello che hai menzionato probabilmente causerebbero loro la mortificazione più avanti.

Come dovresti farlo?

Trovo che essere schietto qualcosa del genere può sembrare scortese o offensivo. Ad esempio, dire

Sai, è "aneddoto", non "antidoto".

non sembra così educato, soprattutto se sei tagliandoli a metà frase. D'altra parte, aspettando che finiscano e poi dicendo

A proposito, penso tu intenda "aneddoto", non "antidoto". Solo un lapsus, credo.

è un po 'meglio. Potresti anche provare a essere ottimista al riguardo: dopo aver risposto, dì qualcosa come

Ehi, tutti commettiamo errori - Voglio solo risparmiarti imbarazzo futuro. Dicevo sempre [parola] sbagliata.

molto interessante. Le uniche persone che correggo sono i miei figli e mia sorella. Mia sorella lo apprezza, in realtà abbiamo discusso di me correggendola.
#3
+4
anonymous2
2017-07-02 07:04:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ottima domanda! A mio modesto parere, questo dipende fondamentalmente da tre diversi fattori.

1. Quanto bene li conosci

Dici conoscenza casuale. Tuttavia, come sai, le conoscenze occasionali possono assumere molti ruoli diversi. Potrebbe trattarsi di una conoscenza occasionale in un ambiente di lavoro, uno scatolotto al negozio con cui di solito parli mentre fa la spesa e un sacco di cose. Dovrai andare in larga misura su quanto conosci la persona.

Una buona domanda da porre quando pensi a questo è se hai la libertà di correggerti a vicenda su altri problemi minori . Se davvero non lo fai, potrebbe essere meglio lasciar passare gli "antidoti". D'altra parte, se hai la libertà di correggerti a vicenda quando racconti storie, parli del tempo o qualsiasi altra cosa, potrebbe essere qualcosa da considerare.

2. Quante volte lo fai

Se ci sono dozzine di parole che pronunciano in modo sbagliato, accetterei semplicemente il fatto che parlano un dialetto leggermente diverso. D'altra parte, se si tratta solo di una o due parole, potrebbe valere la pena parlarne.

3. Come lo fai

Nella maggior parte delle situazioni, un approccio come:

Dì, ho pensato di farti sapere, la parola "antidoto" è in realtà pronunciato "aneddoto".

o peggio:

In realtà, è un aneddoto, non un antidoto.

probabilmente lo farà solo causare una rottura nella relazione. Può sembrare superiore, a meno che il tono e l'inflessione non siano giusti. Inoltre, in alcune relazioni, quell'approccio andrebbe benissimo.

Tuttavia, l'approccio che trovo funziona davvero bene in molte situazioni è fare un po 'di ricerca sulla parola e trovare riferimenti da fare certo di aver capito bene. Quindi, la prossima volta che tirano fuori quella parola, hanno uno sguardo "illuminato" e dicono qualcosa sulla falsariga di,

Dì, ho appena cercato la parola "antidoto" e, a quanto pare, la pronuncia corretta è in realtà "aneddoto". Ho controllato in Oxford English and American Abridged and [...], e tutti concordano sul fatto che in realtà è "un aneddoto".


Solo alcune idee che mi hanno aiutato. Spero che aiutino!

#4
+4
Bookeater
2017-07-02 16:14:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'ho fatto a volte partendo dal presupposto che comunicare bene è importante e le persone NON vogliono commettere errori.

Cerco di tenermi lontano da qualsiasi connotazione negativa minimizzandola. Tutto quello che mostro è un po 'di confusione mentre chiedo conferma, qualcosa del tipo:

Volevi dire anecdote , giusto?

#5
-1
Ael
2018-11-15 13:29:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono una persona che tende a pronunciare male più della popolazione generale. Non pronuncio male perché ho un accento ma per due motivi:

1. Imparato in un libro

Il primo caso è che ho imparato una parola in un libro e poiché la parola non è spesso usata nella lingua parlata, non ho mai avuto la possibilità di imparare la pronuncia di "scrittura".

In questi casi, non mi dispiace essere corretto fintanto che è fatto in modo non beffardo. Quindi, assicurati di avere uno sguardo serio (o perplesso) e di rimuovere qualsiasi sorriso dal tuo viso in quanto potrebbe essere interpretato male (e non vuoi che la persona pensi che la stai prendendo in giro).

È anche preferibile stare da soli con la persona. Essere corretti in pubblico non è un buon posto in cui trovarsi e causerebbe inutili imbarazzi.

Per il fraseggio, suggerisco di dire qualcosa come:

L'ho notato pronunci la parola X , X ". C'è una ragione per questo?

Quando la metti come domanda, non presumi di avere la pronuncia corretta. Tieni invece presente che non pronunci una parola nello stesso modo, il che significa che uno di voi potrebbe avere torto.

Se l'altra persona non sa cosa rispondere alla tua domanda (o dopo che hanno risposto), puoi spiegare perché la pronunci nel modo in cui lo fai. Non è necessario convincere l'altra persona che tu lo pronunci nel modo giusto, devi solo fargli riflettere in modo che possa fare ricerche da solo e decidere come vuole pronunciare in futuro (sapendo che le altre persone non lo pronunciano allo stesso modo).


2. "Mind Trick"

Soprattutto quando sono stanco, le parole tendono a mescolarsi e alternarsi tra loro nella mia mente. Penso a un significato ma, invece di scegliere la parola giusta per questo significato, scelgo è "prossimo". Una parola che è relativamente simile (entrambi hanno lo stesso "colore" nella mia mente) ma non significa la stessa cosa.

Ho lo stesso problema con le lettere " c " e " s " e, ogni volta che ne pronuncio una ad alta voce, ho sempre fare una pausa per assicurarmi che la mia bocca pronunci quella giusta.

Se il tuo conoscente ha lo stesso problema e a volte usa la parola giusta, a volte no, non correggerli. Sanno già di avere questo problema e dire loro che la loro lingua è scivolata di nuovo non porterà a nulla. Quindi, a meno che tu non abbia capito cosa volevano dire o non desideri chiarire qualcosa, ti consiglio di non correggerli.

Ma, se vuoi ancora, puoi usare lo stesso approccio di per il punto uno:

Ho notato che tendi a scambiare le parole e mi chiedevo perché?

Se prima non erano a conoscenza del problema, ora loro sono. E se ci fosse già, hai l'opportunità di conoscere meglio questa conoscenza.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...